header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Oleg Vereshchagin al Teatro Politeama Greco di Lecce

Mercoledì 23 Aprile 2014 (sipario ore 20.45), sul palco del Teatro Politeama Greco di Lecce, sarà di scena Oleg Vereshchagin, fisarmonicista di fama mondiale, in occasione del diciottesimo concerto inserito nel cartellone della 44^ Stagione Concertistica della Camerata Musicale Salentina.

L’artista russo sarà accompagnato – prima volta assoluta di una collaborazione simile – dal quartetto d’archi “La Stravaganza”, formazione musicale che annovera alcune tra le migliori personalità, in Italia, nel campo della musica classica. Alessandro Perpich e Giacomo Bianchi ai violini, Paola Rubini alla viola e Federico Perpich al violoncello, insieme alla fisarmonica del celebre Vereshchagin, proporranno un repertorio che svaria da Handel a Mozart, da Borodin a Ljadov e Vivaldi, abbracciando il meglio della musica classica. Oleg Vereshchagin inizia giovanissimo lo studio della fisarmonica, chiamata in Russia bayan, diplomandosi nel 1995. In questo periodo partecipa a numerosi concorsi nazionali, classificandosi sempre ai primi posti, e successivamente supera l’esame di ammissione all’Accademia Gnessin di Mosca, dove si laurea nel 2002. Nell’ambito della collaborazione culturale e scientifica tra Italia e Russia viene scelto per proseguire i suoi studi musicali al Conservatorio di Bari e quindi al Conservatorio di Milano. In Italia vince nel 2001 il concorso Euterpe e il concorso Corelli e si afferma al prestigioso Premio Gazzelloni di Udine, organizzato in collaborazione con la RAI. Nell’ottobre di quello stesso anno, a Milano, vince l’XI Concorso nazionale per l’attribuzione di cinque borse di studio ai migliori allievi dei Conservatori italiani, bandito dalla Società Umanitaria. Nel 2004 vince il concorso di Interpretazione di Musica Contemporanea “Premio Città di Gioia del Colle”, organizzato dalla S.I.A.E. Suona la fisarmonica “Jupiter” costruita appositamente per lui dall’omonima fabbrica di Mosca. Ha trascritto per fisarmonica diversi brani del repertorio organistico, pianistico e orchestrale, tra cui Le quattro stagioni di Vivaldi. Ha effettuato numerose registrazioni per emittenti radiotelevisive in Russia e in Italia.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.