header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

1:6 UNA SEI personale di Anna Miccolis

16-31 dicembre 2014 opening 16 dicembre h.18:30

Cartoni, fogli da imballaggio, manifesti pubblicitari, retro di armadi, tanti e variegati sono i supporti che Anna Miccolis utilizza per raccontare i ritratti di un’umanità recuperata, esposta per la prima volta in una selezione di 12 pezzi, compresi un totem e un bosco.

1:6 UNA SEI è il titolo della mostra in cui l’artista gioca con una dichiarata e ironica lente di ingrandimento, sul tema dell’uno. L’ uno di Anna Miccolis è il paradosso di una situazione di relazione, con un doppio, o un genere. Maschile, femminile, animale. Il sé, l’abbandono, l’amore come bisogno.

Con parole, disegni, e dipinti, Anna svela un caleidoscopio di figure incontrate, specchi ritrovati, situazioni insolite che vengono distorte, trasformate in modo grottesco. Anna gioca con le parole, crea visivamente il suono nascosto di una lettura intima, prende in giro gli stessi discorsi che la ossessionano. Appaiono così i volti stilizzati e i lineamenti marcati, i tratti parlanti di personaggi fantasma, anche in forma di slogan. Il lavoro di Anna Miccolis è il canovaccio di un’umanità incisiva nel suo passaggio, sempre interrotta nella sua continuità.

1:6 UNA SEI è l’equazione, dove il numero cambia genere a seconda della scrittura alfanumerica, è la distanza fra maschile e femminile – poco importa se in un unico soggetto, un doppio o un gemello – è la tensione dell’essere nel convogliare tutte le sue parti, disperse secondo natura come nel big-bang.

Nello spettatore sorge allora un quesito basico, ma logico, il pensare ad una realtà che sia naturalmente senza soluzione di unione, o forse la risposta si trova suggerita nell’ accettazione di un’espressione incompleta, rischiosamente grossolana, ma finemente tradotta da Anna attraverso la semplicità di quei suoi 50cm di inesorabile distanza, che fanno dell’artista un visionario.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.