header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

“LA CURA SONO IO. PER VIVERE HO BISOGNO DI ME” PRESENTAZIONE IL 27 NOVEMBRE IN RETTORATO

Su iniziativa del Centro Studi Osservatorio Donna dell’Università del Salento, mercoledì 27 novembre 2019, alle ore 17.30 nella sala conferenze del Rettorato (piazza Tancredi 7, Lecce), verrà presentato “La cura sono io. Per vivere ho bisogno di me”, libro-manifesto di Maria Teresa Ferrari e Valentina D’Andrea (edizioni Minerva, 2019). Con il coordinamento di Paola Martino del Centro Studi Osservatorio Donna, le autrici dialogheranno con Assunta Tornesello, dirigente medico di Oncologia pediatrica al “Vito Fazzi” di Lecce e Presidente della sezione Fidapa di Gallipoli. Alcuni passi del libro saranno letti dall’attrice di prosa Patrizia Rizzo.

> Il libro

“La cura sono io. Per vivere ho bisogno di me” (edizioni Minerva, 2019) è nato dall’esperienza personale di Maria Teresa Ferrari e Valentina D’Andrea, che decidono di raccontare il cancro con parole nuove e così inventano un libro-manifesto. Ogni capitolo inizia con una donna disegnata, una “musa” che riflette sulla propria fragilità, il gusto della vita, la gioia di sentire il proprio corpo come il luogo che la protegge di più. Le autrici raccontano che la risorsa più importante per attraversare un’esperienza “così stravolgente che scava, sconvolge, disorienta” è stata la creatività: “Nel vento della creatività ci si trasforma continuamente. Cerchiamo affinità con i colori, ci leghiamo alla spiritualità della natura, esploriamo l’inesistente, cerchiamo nuove posture per stare ferme nella tempesta, giochiamo con l’improvvisazione”. Le autrici non mancano di richiamare la necessità di rendere più umano il rapporto medico-paziente nel corso delle cure, passando dal “curare” al “prendersi cura”.

> Le autrici

Maria Teresa Ferrari si occupa di comunicazione e ha fondato nel 2017 l’associazione “La cura sono io”. Valentina D’Andrea è illustratrice e grafica, ha fondato e lavora con le “Officine creative” e il progetto “Le donne nutrono il mondo”.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.