header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

PINO MADDALONI FA LEZIONE AI JUDOKA PUGLIESI

Lizzanello, 3 aprile 2014 – h. 17.00

L’olimpionico Pino Maddaloni sarà giovedì pomeriggio nel Palazzetto dello sport “La Pellegrina” di Lizzanello per un allenamento collegiale con i giovani judoka pugliesi. L’atleta napoletano è uno dei tutor del progetto regionale “Verso Rio 2016” avviato dal comitato regionale della FIJLKAM (Federazione Italiana Lotta, Judo, Karate e Arti Marziali) con l’obiettivo di affiancare Atleti, Dirigenti e Tecnici nella ricerca di quella qualità e professionalità che possono far diventare il judo pugliese leader nel campo delle iniziative e dell’innovazione. Maddaloni è il tutor dell’area agonistica (gli altri sono il maestro Giuseppe De Berardinis per l’area formazione tecnica e kata, e Tonino Chyurlia per l’area arbitraggio) e ogni due-tre mesi viene nella nostra regione per seguire gli allenamenti dei giovani atleti di diverse società.

Organizzato da Gianfranco Marchello, responsabile dell’ASD “Judo Club Olimpia” di Lizzanello e membro della Consulta Regionale della federazione, l’incontro di giovedì pomeriggio è fissato per le ore 17.00 ed è aperto a tutti i tesserati FIJLKAM, che avranno così la possibilità di essere protagonisti di un allenamento tenuto da uno straordinario atleta italiano. Pino Maddaloni, infatti, inizia a praticare judo all’età di 2 anni, sotto la guida del padre che ancora oggi lo allena. Il suo primo successo risale ai Giochi della Gioventù del 1988: da quell’anno, e fino al ‘97, Maddaloni affronta tutte le categoria giovanili rimanendo imbattuto, dagli Esordienti agli Juniores, e conquistando per 13 volte il titolo di campione d’Italia. Nel 1998 e ’99 si laurea Campione Europeo nella categoria -73 kg e nel 2000 vince l’oro alle Olimpiadi di Sydney nella stessa categoria. Nel 2004 subisce un infortunio al ginocchio che lo costringe ad uno stop di un anno ma torna alla ribalta nel 2005 aggiudicandosi l’oro ai Giochi del Mediterraneo ad Almeria ed ai Campionati del Mondo Militari a San Pietroburgo, e l’argento ai Campionati Europei del 2006. Nel 2007 si piazza 5° ai campionati del Mondo di Rio de Janeiro, qualificandosi così per le Olimpiadi di Pechino, che sono state anche il suo ultimo appuntamento agonistico. Dal 2011 al 2013 ha allenato la nazionale italiana non vedenti e da gennaio del 2014 è allenatore della nazionale italiana di judo. La storia di Maddaloni, ritenuto uno degli atleti più rappresentativi della storia del judo italiano di sempre, è stata narrata nel film “L’oro di Scampia”.

Sempre giovedì, ma in mattinata, Maddaloni sarà ospite della giornata di studio organizzata dalla Provincia di Lecce sul tema: “Lo Sport: modello di vita e possibile palestra contro il bullismo” presso la sala del Museo “S. Castromediano” a Lecce, dalle ore 8.30. Con lui anche il triplista Daniele Greco, la squadra di calcio femminile “Ladybugs” di Lecce e la squadra di rugby “Salento XV” di Trepuzzi.

 

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.