header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Presentazione del libro “Federico II di Svevia: rivoluzionario o conservatore?”

Domani, martedì 6 maggio, alle ore 18.30, la sala teatrino dell’ex Convitto Palmieri, in piazzetta Carducci a Lecce, appuntamento con la presentazione del libro “Federico II di Svevia: rivoluzionario o conservatore?”, di Vito Luca De Netto, edito da Il Cerchio, con la prefazione di Mons. Nicola Bux, già Consultore di Benedetto XVI.  Interverrà all’incontro la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca, che dialogherà con l’autore. Il saggio rappresenta una compiuta critica della vulgata che ci racconta di un Imperatore laico e riformatore, primo sovrano moderno dell’Europa medievale, e, tramite un approccio multidisciplinare, tratteggia al contrario l’agire di un Federico II quale apogeo del medioevo cattolico ed imperiale. In questo libro, ampiamente documentato e basato su fonti originali, e che già sta facendo discutere gli studiosi, Federico II non è quindi né il campione dell’assolutismo laicista ed illuminato, il promotore di un regime statolatrico tipico di una certa visione moderna come voleva il Kantorowicz, né il machiavellico difensore degli interessi privati del suo casato secondo l’interpretazione di Abulafia, ma il supremo rappresentante di quel Medioevo che fu una grande epoca di giustizia, di certezze, di valori, di Fede, di luce, di ordine, di libertà e di pluralismo. Valori eterni per un’Europa alla disperata ricerca di radici spirituali.A chiudere l’opera, un’interessante valutazione sulla stessa esistenza della scomunica inferta al Sovrano normanno-svevo.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.