header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Raffineria Eni Taranto: “La protesta è legittima, riscriviamo insieme l’accordo”

Il senatore pugliese Dario Stefàno (SEL) scrive alla presidente Emma Marcegaglia

“Vertenza Eni, individuiamo insieme una soluzione migliore: ai lavoratori di Taranto e al territorio va data un’altra opportunità”. Mette nero su bianco il senatore pugliese Dario Stefàno in una lettera alla presidente di Eni Emma Marcegaglia sottolineando la urgenza e la necessità di trovare una soluzione alternativa che tenga in equilibrio gli interessi dell’azienda e gli interessi dei lavoratori “con la prospettiva- sottolinea Stefàno – di evitare un ulteriore rischio di isolamento economico ed occupazionale e dunque di impoverimento sociale di Taranto”. “Quella messa in atto nella raffineria Eni di Taranto è una protesta legittima – prosegue Stefàno – perché esprime ad “alta voce” l’ennesimo sentimento di precarietà che agita le vite di centinaia di lavoratori, qui in quel lembo della Puglia che ha già pagato, e continua a pagare, un prezzo altissimo in tema di lavoro e disagio sociale. L’attuale accordo non può essere accettato perché penalizza i lavoratori. Penalizza la propria ambizione a lavorare. Penalizza le rispettive famiglie, private di colpo della prospettiva di una legittima serenità. E penalizza ancora una volta l’indotto industriale ed il territorio ad essa collegati” . “Ecco perché non può bastare la rituale manifestazione di solidarietà – così il senatore motiva le ragioni della lettera – ma anzi porgo la più ampia disponibilità personale ed istituzionale a collaborare con l’obiettivo di individuare una soluzione sostenibile, che tenga conto delle note difficoltà del contesto territoriale tarantino”. “Eni, sottoposta al controllo pubblico, – conclude Stefàno – interpreta azioni ed attività industriali profondamente strategiche per tutto il Paese. Quel Paese di cui anche Taranto ed il suo territorio fanno orgogliosamente parte e che, al pari di altri territori ed altre realtà, meritano di beneficiare degli obiettivi strategici dell’azione industriale di una delle principali aziende italiane”.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.