header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

SCUOLE SALENTINE A RISCHIO COLLASSO

FORZA ITALIA IN TRINCEA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Il Coordinatore provinciale Paride Mazzotta interviene sull’ipotesi di distacco delle utenze negli istituti superiori della provincia di Lecce

Da notizie di stampa apprendiamo di una comunicazione inviata nei giorni scorsi dal presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ai dirigenti scolastici degli istituti superiori salentini nella quale lo stesso presidente comunica che entro il 31 marzo 2016 le scuole della provincia dovranno subentrare nella gestione dei contratti, pena il distacco delle utenze.

Un’ipotesi che, nei fatti, rischia di trasformarsi in una vera e propria emergenze per centinaia di istituti scolatici superiori e per migliaia di studenti salentini. Tutto “merito” della legge n. 56 del 2014? La risposta ad oggi appare quasi scontata e conferma, ove ce ne fosse bisogno, la schizofrenia alla base della volontà riformatrice del Governo Renzi. Un modus operandi secondo il quale gli assetti dello Stato vanno modificati, costi quel che costi.

Peccato, però, che a pagare il prezzo più alto di riforme lasciate a metà, come quella che porta la firma del renziano Graziano Delrio, siano i cittadini. Poco importa a questo governo che i lavoratori delle società partecipate vengano licenziati o che gli studenti restino al buio, al freddo, senza telefoni, banchi o lavagne.

Mentre a Roma si va avanti a testa bassa e con i paraocchi, il mondo della scuola salentina trema. I dirigenti scolastici si ritrovano a fare i conti con l’ennesima emergenza da gestire mentre la Provincia di Lecce paventa tagli alle utenze a seguito della mancanza di risorse per gestire funzioni che, a quasi due anni dall’entrata in vigore della Legge Delrio, non si comprende bene quale ente dovrà gestire. E con quali soldi, soprattutto.

Ma ora non possiamo più attendere che da Roma qualcuno si svegli e decida una volta per tutte di fare chiarezza nella giungla di competenze è deleghe. Le scuole salentine rischiano la paralisi. Il diritto allo studio e all’istruzione dei nostri ragazzi non può essere calpestato o sacrificato sull’altare dell’inerzia, o peggio ancora, dell’incompetenza di governo.

Per quanto ci riguarda, saremo al fianco dei dirigenti scolastici, dei docenti e degli alunni, ci attiveremo sin da subito a tutti i livelli istituzionali e con tutti i mezzi a nostra disposizione al fine di scongiurare un’emergenza scolastica i cui effetti sarebbero devastanti.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.