header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

SENATO ACCADEMICO DEL 21 APRILE 2015

Di seguito alcune informazioni sulla seduta del Senato Accademico di oggi, 21 aprile 2015, rese dal Rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara.

  1. Il Senato Accademico ha deliberato una proposta di utilizzo degli 8,86 punti organico assegnati all’Ateneo per il 2014. Tale proposta prevede l’utilizzo di 1,8 punti organico per posti di professore ordinario, 5,2 punti organico per posti di professore associato e 1,86 punti organico riservati al personale tecnico-amministrativo. Si è proposto inoltre di utilizzare 3,5 punti organico della precedente programmazione per 7 posti di ricercatore a tempo determinato di tipo “B” che si sommano ai 7 posti di ricercatore a tempo determinato di tipo “A”, già finanziati dalla fondazione Caripuglia. Il Senato Accademico ha invitato i Dipartimenti ad avanzare delle proposte per i 14 posti complessivi di ricercatore, in modo che nella prossima seduta vengano approvati in funzione degli obiettivi strategici prioritari dell’Ateneo nella didattica e nella ricerca.

È stata proposta l’utilizzazione di punti organico residui da economie derivanti dalla chiamata di professori e ricercatori di UniSalento presso altre sedi. Tali punti organico, complessivamente pari a 1,2 più 0,2 non utilizzati dal Dipartimento di Scienze Giuridiche, saranno utilizzati per l’avvio di 7 nuove procedure valutative per la chiamata di professori associati.

  1. A seguito di lunga discussione, il Senato Accademico, esprimendo massima attenzione sull’“Emergenza Xylella” e sul patrimonio olivicolo del territorio, ha impegnato l’Università, sulla base delle competenze presenti nei vari Dipartimenti, a contribuire alla gestione dell’emergenza sia suggerendo modifiche migliorative del Piano Silletti, nel pieno rispetto dell’ambiente e del paesaggio, sia sviluppando un’attività di ricerca finalizzata ad una migliore comprensione della problematica considerata nella sua globalità e che proprio per questo richiede un approccio multidisciplinare in collaborazione con le altre Università e con il CNR.

Il Rettore ha informato inoltre di aver avuto un incontro con il Direttore della Banca Popolare Pugliese, dottor Mario Buscicchio, nel corso del quale è emersa la possibilità che la Fondazione della BPP contribuisca al finanziamento di una proposta progettuale avanzata da UniSalento per affrontare l’“Emergenza Xylella” sulla base delle competenze presenti nei vari Dipartimenti. Il Rettore ha perciò sollecitato i Direttori dei Dipartimenti ad avanzare proposte organiche e coordinate, in modo che egli possa farle confluire in una proposta progettuale unica, credibile e scientificamente valida. In altri termini, il Rettore si farà garante, a nome dell’Istituzione, della qualità della proposta che sarà avanzata alla Fondazione BPP.

  1. È stato definitivamente approvato il Regolamento di Ateneo per la disciplina di Master Universitari, Corsi di Perfezionamento, Scuole estive.
  1. È stata avviata una riflessione sulla costituzione di Centri Dipartimentali e Interdipartimentali, al fine di elaborare criteri guida da inserire presumibilmente nella prossima revisione dello Statuto e al fine di fornire al Rettore elementi oggettivi in base ai quali autorizzare o meno la costituzione di detti Centri. Ciò con l’obiettivo di assicurare la massima efficienza ed efficacia nell’utilizzo delle risorse umane e logistiche dell’Università del Salento.
  1. È stato espresso parere favorevole all’Offerta Formativa per l’Anno Accademico 2015/2016, complessivamente avanzata dalle strutture didattiche. È stata proposta l’attivazione di 55 corsi di studio, di cui tre di nuova istituzione: corso di laurea magistrale in “Diagnostica dei Beni culturali”, corso di laurea magistrale internazionale in “European Heritage, Digital Media and the Information Society” e corso di laurea magistrale a ciclo unico in “Scienze della formazione primaria”. Dei 55 corsi di studio proposti, soltanto 17 presentano il numero programmato degli accessi. Si è inoltre cercato di aumentare la numerosità, ove possibile, per alcuni di essi. In particolare, la numerosità è stata portata a 90 posti per il corso in Biotecnologie (da 75 originari), a 180 posti (da 150) per il corso in Scienze biologiche e a 90 posti (da 75) per il corso in Scienze e tecnologie per l’ambiente. In questo modo si è cercato di consentire l’accesso di un maggior numero di studenti ai corsi di studio dell’Università del Salento, nei limiti delle possibilità imposte dalle dotazioni di docenza. Si è aperta anche un’ampia discussione tesa a impegnare l’Università del Salento verso una programmazione delle risorse di personale che punti a garantire una maggiore attrattività di studenti.
  1. Sono stati confermati per il prossimo Anno Accademico gli undici corsi di dottorato attualmente esistenti, prevedendo complessivamente 62 posti con borsa e 15 posti senza borsa.
  1. È stata approvata all’unanimità la proposta avanzata dal Dipartimento di Studi Umanistici di conferimento della laurea honoris causa (laurea magistrale in Archeologia) al Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I. Tale proposta è stata avanzata per l’impegno costante e profondo del Patriarca per la salvaguardia del patrimonio culturale del pianeta, e per l’azione svolta in vista della protezione del patrimonio archeologico e culturale della Turchia a tutela dei monumenti e delle testimonianze della civiltà bizantina, la cui tradizione e la cui storia si riverberano in quelle proprie del Salento, per secoli legato all’Impero Bizantino e al Patriarcato di Costantinopoli.
  1. Al termine della seduta il Rettore, a titolo personale, ha dichiarato di prendere atto con soddisfazione, prima di tutto dal punto di vista umano e poi istituzionale, dell’esito favorevole della sentenza di assoluzione del professor Laforgia.

Il Senato Accademico ha poi approvato all’unanimità la seguente mozione: “Il Senato Accademico dell’Università del Salento esprime grande soddisfazione sul piano umano e istituzionale per la sentenza che assolve con formula piena ‘perché il fatto non sussiste’ il professor Domenico Laforgia, già Magnifico Rettore del nostro Ateneo”.

 

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.