header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

“UN FUTURO PER IL PASSATO. DIALOGHI SULLE NUOVE FRONTIERE DELL’ARCHEOLOGIA”

Terzo incontro nell’ambito della rassegna “Un futuro per il passato, dialoghi sulle nuove frontiere dell’Archeologia con i docenti dell’Università del Salento”: appuntamento domani, martedì 20 maggio 2014, alle ore 17 al MUSA, il Museo Storico-Archeologico dell’Ateneo (via di Valesio angolo viale San Nicola, Lecce). Interverranno i professori Rita Auriemma sul tema “Il mare antico del Salento: storie di porti, navi, merci e uomini coraggiosi” e Girolamo Fiorentino su “L’Archeologia ambientale nella valle dell’Indo”.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Consigliata la prenotazione al numero 0832 294253 o scrivendo a infomusa@unisalento.it. Al termine della conferenza è possibile effettuare una visita guidata al Museo.

Rita Auriemma è docente di Archeologia classica subacquea all’Università del Salento; la sua attività scientifica è rivolta in particolar modo all’archeologia dei paesaggi costieri. Ha studiato modalità e fasi del popolamento antico della costa salentina, anche attraverso la redazione e pubblicazione della Carta Archeologica Subacquea del Salento, e svolge indagini archeologiche sistematiche a Torre Santa Sabina (Brindisi) e, più di recente, a Porto Cesareo (Lecce)

Girolamo Fiorentino è docente di Archeobotanica all’Università del Salento. Ha costituito il Laboratorio di Archeobotanica e Paleoecologia presso il Dipartimento di Beni Culturali all’interno del quale, assieme ai suoi allievi, si occupa di recupero, determinazione e analisi di diverse categorie di resti vegetali provenienti da contesti archeologici e sedimentazioni naturali del Bacino del Mediterraneo e di altri areali in Asia e Africa, allo scopo di ricostruire le strategie di sostentamento e di interazione con l’ambiente naturale da parte delle comunità antropiche del passato.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.